Categories
Alimentazione & Cucina

6 tipi di peperoncini dal Messico

Ogni volta che pensiamo al cibo messicano è impossibile non immaginarlo e ci trasporta all’esplosione di sapori che ci invade quando proviamo i nostri piatti preferiti. La fama mondiale di questa gastronomia non è casuale. La preparazione di ogni piatto, di ogni ingrediente e tecnica fa parte di una tradizione radicata che si tramanda di generazione in generazione.

Oltre al guacamole, ai tacos e alle quesadillas, ci sono prima le salse e molte altre prelibatezze che non immaginiamo nemmeno. Non sarebbe lo stesso senza l’apporto del peperoncino, ingrediente essenziale della cucina messicana, la cui varietà è affascinante. La piccantezza di questo prodotto è quell’incredibile contributo che dà tutto il senso del condimento.

Tipi di peperoncini messicani

Volete sapere quali sono alcuni dei peperoncini più usati nella cucina messicana? Non perdetevi la lista qui sotto:

Peperoncino Habanero

Sentire il nome di questo peperoncino ci fa senza dubbio pensare alle spezie. Proviene dalle pianure del bacino amazzonico e si dice che sia arrivato nello Yucatan attraverso il commercio. Questo peperoncino, quando è maturo, è di colore rosso arancione e ha una consistenza liscia. Di solito non viene usato secco, ma piuttosto crudo, arrostito o cotto. Se cercate una salsa piccante, questo è il chili da usare. Un ottimo modo per mangiarlo è quello di preparare una ricca salsa habanera.

Peperoncini Jalapeño

Durevole nella consistenza e di colore verde scuro, è il chili ideale per aggiungere la necessaria speziatura e delizia al vostro guacamole. Il suo nome deriva dalla regione di Jalapa, dove un tempo veniva coltivata. È conosciuto anche come chile cuaresmeño. Viene consumato crudo, in salamoia e anche essiccato, quando diventa il chipotle.

Poblano

Questo chile di grandi dimensioni è di colore verde scuro e la pelle lucida. Il modo più popolare di usarlo è come ripieno. Un esempio è il famoso piatto conosciuto come chile en nogada, delizioso! Un altro modo per prepararlo è quello di tagliarlo a strisce e di preparare le famose fette con panna e formaggio. Quando si asciuga, diventa il chile ancho ed è anche parte degli ingredienti del delizioso mole poblano. Abbiamo già voglia di un chile relleno!

Serrano

Questo piccolo peperoncino è di solito consumato verde ma anche maturo, quando diventa rosso. Può essere mangiato crudo, cotto, arrosto o fritto. Proviene dalle regioni degli altipiani degli stati di Puebla, Veracruz, Sonora e Messico. Si usa molto nella salsa verde, che è così deliziosa!

Guajillo

Questo peperoncino è di colore da marrone a rossastro e viene generalmente usato secco. Si abbina perfettamente a stufati, salse e anche in talpa. Allo stesso modo, viene utilizzato nella preparazione delle marinate ed è la base di molti piatti messicani. Ci sono tre varianti del guajillo: il guajillo chico, l’ancho e il puya. In ognuno di essi il livello di piccantezza è diverso.

Pasilla, “negro” o “de chilaca”

Si consuma secco, ha un colore scuro ed è piuttosto piccante. Nel cibo messicano, viene usato molto nelle zuppe e nelle salse integrandolo in molti stufati, niente di meglio di una salsa pasilla chile! Si può trovare nei negozi messicani, intero o in polvere. Si coltiva negli stati di Jalisco, Nayarit e Michoacán.

La ricchezza del cibo messicano è dovuta in parte all’uso di questi peperoni e ai loro sapori variegati e incredibili.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *