Categories
Piante & natura

Tipi di albero

Svolgono un ruolo fondamentale nell’ambiente, poiché non solo fungono da supporto e sostentamento per la terra, ma sono anche in grado di erogare ossigeno dopo un ruolo di primo piano nel ciclo del carbonio, ed è per questo che in questa occasione ci addentreremo in loro, gli alberi, e le loro diverse varietà.

Noi di Tisreports.com ci preoccupiamo della natura, ma a volte diamo più importanza a ciò che la danneggia, e non ci diamo il tempo di parlarne, quindi questa volta ci fermeremo ai tipi di alberi che esistono sul nostro pianeta.

Tipi di albero

Ci sono circa 100.000 specie di alberi, ovvero il 25% di tutte le specie di piante viventi. Sebbene la maggior parte di queste specie crescano nelle regioni tropicali del nostro pianeta, gli alberi sono riusciti ad adattarsi ai climi e agli ambienti più diversi. Infatti possiamo vederli in spazi naturali come le foreste, ma sono anche capaci di crescere e di vivere in ambienti urbani, anche se a volte e a seconda della specie possono finire per ammalarsi a causa dell’inquinamento.

La maggior parte delle specie che esistono oggi sono alberi da fiore o conifere. La differenza sta nel modo in cui si riproducono.

Se parliamo di tipi di alberi, dobbiamo iniziare a parlare di due varietà principali: alberi a foglie caduche e alberi sempreverdi. Potremmo anche includere le conifere o le palme, che sono considerate varietà separate.

Alberi decidui e sempreverdi

Vista la quantità di specie, possiamo dividere gli alberi in :

  • Alberi decidui
    Quegli alberi i cui rami vengono lasciati senza foglie durante l’autunno, cioè per fare una similitudine sarebbero alberi che cambiano la loro pelle una volta all’anno. Alcuni esempi di alberi decidui sono castagni, betulle, faggi o frassini.
  • Alberi sempreverdi
    Gli alberi sempreverdi non perdono le foglie durante l’autunno, ma le perdono a poco a poco, in modo che i loro rami non siano mai privi di foglie. Alcuni esempi di alberi sempreverdi sono la mimosa, il corbezzolo, l’olivo o il sughero.

Invece, per l’uso che l’uomo ne fa, almeno in ambiente domestico/urbano, potremmo dividere gli alberi in

  • Alberi ornamentali
  • Alberi da frutta

Alberi ornamentali

Cosa sono e come possiamo differenziare un albero ornamentale dal resto? Sono alberi con caratteristiche molto specifiche e peculiari che li rendono unici, come le dimensioni, il colore, la forma e l’idoneità all’ambiente.

  • Dimensioni e forma: Gli alberi ornamentali hanno un’altezza che varia a seconda dello sviluppo della chioma, cioè a seconda della chioma differenzieremo un albero dall’altro. Un chiaro esempio sono le chiome ovoidali caratteristiche di querce, faggi, castagni, olmi… Le chiome a forma di ombrello sono tipiche delle conifere come pini e pini. E quando la coppa non è differenziata ci baseremo sui rami dalla base del tronco, di forma conica o piramidale, come il pino, l’abete, le cupressacee…
  • Colore: gli alberi sempreverdi saranno verdi tutto l’anno e gli alberi decidui cambiano colore in autunno in rosso, viola, giallo e marrone fino a quando non cadono.
  • Vantaggi degli alberi ornamentali: questi alberi sono vantaggiosi per tutti noi in quanto migliorano il microclima e proteggono dalle radiazioni solari, riducono l’inquinamento ambientale e atmosferico

Parti di un albero

Elenchiamo ora le parti principali di un albero.

  • Radice
    Si potrebbe dire che le radici sono qualcosa come le fondamenta di un albero. Tuttavia, le radici svolgono molte più funzioni rispetto al semplice ancoraggio dell’albero al suolo. Ad esempio, sono responsabili dell’assorbimento dell’acqua necessaria per la vita dell’albero. Le radici possono essere profonde e larghe molti metri. A volte possono sporgere dal suolo.
  • Tronco
    È la struttura che sostiene la cima dell’albero. La corteccia è responsabile della protezione della linfa che circola attraverso di essa. Inoltre, grazie al tronco è possibile conoscere l’età di un albero, a seconda del numero di anelli che ha al suo interno.
  • Rami
    Hanno origine sul tronco e sono dove si trovano le foglie degli alberi. I rami e le foglie formano quella che viene chiamata la chioma dell’albero.
  • Boccioli
    Si trovano nei rami degli alberi. Dai boccioli possono emergere nuovi rami, fiori e frutti o foglie.
  • Foglie
    Si trovano nei rami e sono vitali per gli alberi per effettuare la fotosintesi dopo aver assorbito l’acqua dalle radici ed essere saliti attraverso il tronco. Anche i diversi tipi di foglie sono fondamentali per la classificazione dei tipi di alberi.

Alberi ornamentali

Cosa sono e come possiamo differenziare un albero ornamentale dal resto? Sono alberi con caratteristiche molto specifiche e peculiari che li rendono unici, come le dimensioni, il colore, la forma e l’idoneità all’ambiente.

Dimensioni e forma: Gli alberi ornamentali hanno un’altezza che varia a seconda dello sviluppo della chioma, cioè a seconda della chioma differenzieremo un albero dall’altro. Un chiaro esempio sono le chiome ovoidali caratteristiche di querce, faggi, castagni, olmi… Le chiome a forma di ombrello sono tipiche delle conifere come pini e pini. E quando la coppa non è differenziata ci baseremo sui rami dalla base del tronco, di forma conica o piramidale, come il pino, l’abete, le cupressacee…

Colore: gli alberi sempreverdi saranno verdi tutto l’anno e gli alberi decidui cambiano colore in autunno in rosso, viola, giallo e marrone fino a quando non cadono.

Vantaggi degli alberi ornamentali: questi alberi sono vantaggiosi per tutti noi in quanto migliorano il microclima e proteggono dalle radiazioni solari, riducono l’inquinamento ambientale e atmosferico.

Esempi di alberi ornamentali

Vi mostreremo alcuni esempi di alberi ornamentali, ma li dividiamo in base al tipo di foglie e alle caratteristiche.

Le conifere come il pino e il cedro.

Angiosperme sempreverdi come la quercia o le latifoglie

Felci come Dicksonia, Splenius, Angiopteris, Osmunda…

Cespugli: alloro e ciliegio…

Arrampicatori: felce, frutto della passione ed edera, tra molti altri

Acquatico: fiore di loto, felce d’acqua, lenticchie d’acqua…

Palme: un esempio è la famiglia delle aracee, comprese le pseudo-palme

Alberi da frutto

Gli alberi da frutta sono quelle piante che hanno fiori e producono frutti che vengono consumati dall’uomo. Possiamo dire che il frutto è come un ovario maturo che contiene semi per la riproduzione della pianta.

Ci sono diversi tipi di alberi da frutto che si dividono per morfologia e anatomia. Una curiosità è che gli alberi che producono noci sono considerati alberi da frutta dalle scienze culinarie, mentre l’industria della frutta li separa dai frutti.

Tipi di alberi da frutta

A seconda dei frutti prodotti dagli alberi, possiamo classificarli. Ma per poterlo fare dobbiamo prima conoscere i tre tipi di alberi che esistono in base ai loro frutti:

  • Alberi da frutta tenera con nocciolo. Questi alberi sono conosciuti come “drupe” e danno frutti carnosi con pietre dure. Ne sono un esempio gli ulivi, gli albicocchi, i manghi, i ciliegi, i ciliegi, le prugne…
  • Alberi da frutta teneri con semi. Sono gli alberi conosciuti come “pomos” e appartengono a questo tipo il melo, il pero e il nisperero.
  • Alberi da frutta secca. Sono i più facili da differenziare perché i frutti che danno sono avvolti in un guscio, gli esempi più chiari di alberi con noci sono il noce, il nocciolo, il castagno, sopra e il mandorlo.

Alberi decidui

Abbiamo già spiegato cosa sono gli alberi a foglie caduche, ora vi mostreremo una lista con gli alberi a foglie caduche più comuni:

  • Pioppo bianco/ pioppo bianco
  • Cercis/albero dell’amore
  • Jacaranda
  • Prugna rossa
  • Mandorlo
  • Salice piangente
  • Tipuana
  • Pero selvatico
  • Zampa di mucca / Albero Orchidea
  • Albero di Giove
  • Guindo
  • Catalpa
  • Baobab
  • Redwood
  • Castagno
  • Lapacho rosa
  • Albero Paradiso
  • Acacia di Costantinopoli
  • Ginkgo Biloba
  • Liquidámbar
  • Pioppo tremante
  • Acero rosso/Acero del Canada
  • Paulownia
  • Faggio
  • Acero di Montpellier
  • Acero bianco
  • Pioppo canadese
  • Gelso/gelso bianco
  • Ciliegia giapponese
  • Tupelo
  • Rovere inglese / Carballo
  • Albero di melo / Melo rosso
  • Arancio spinoso o Trifoliado
  • Betulla bianca
  • Betulla
  • Quercia pubescente

Tipo di albero : sempreverde

In seguito analizzeremo gli alberi sempreverdi, chiamati anche evergreen, con tutte le loro caratteristiche mantenendo le loro foglie per tutto l’anno.

  • Leccio
  • Rovere di sughero
  • Acebuche/oliva selvatica
  • Tipuana
  • Acacia Mimosa
  • Limone
  • Pino
  • Pompelmo
  • Madroño
  • Pentola di pepe finto
  • Arancio amaro
  • Callistemon Viminalis
  • Lagunaria
  • Magnolio/Magnolia
  • Acacia a foglia verde
  • Eucalipto rosso
  • Ombú/Beautiful Shadow
  • Albero di carruba / crescita
  • Fiore Rosso Eucalipto
  • Cedro
  • Avocado
  • Uva di mare
  • Olivo/Olivera/Oceituno
  • Acacia a foglia blu

Riproduzione degli alberi

I fiori hanno la funzione di assicurare la fecondazione delle uova attraverso il polline, per poi sviluppare i frutti che contengono i semi, che a loro volta genereranno gli altri alberi.

Nel caso delle conifere la riproduzione avviene per mezzo di alcuni coni protettivi che dipendono dal vento per riprodursi, poiché una volta aperto il cono, le brezze disperderanno i semi.

A volte gli uccelli aiutano nel compito di riproduzione, mangiando i frutti e i semi, ma senza digerirli, il che significa che una volta che gli uccelli defecano, i semi cadono in un terreno fertilizzato pronto a generare un nuovo albero.

Gli alberi più magnifici del mondo

  • Ahuehuete
    Si trova anche in Guatemala e nel sud del Texas, ma soprattutto è un albero tipico del Messico, al punto che è uno dei simboli nazionali che commemorano l’indipendenza del Paese. L’Ahuehuete, chiamato anche il cipresso messicano, è uno degli alberi più impressionanti del mondo. Alcuni esemplari, come il Tule Tree, ne ospitano più di 2.000. Numerose leggende ruotano anche intorno all’Ahuehuete, come quella di Hernán Cortés che piangeva la sua sconfitta da parte degli Aztechi in uno di questi alberi. Il suo tronco ha un grande diametro, al punto che al suo interno ci sono delle ahuehuetes che ospitano delle caffetterie.
  • Baobab
    Gli alberi di baobab sono tipici del Madagascar, dell’Africa centrale e della Tasmania. Ci sono 7 specie di baobab nel mondo. La sua caratteristica principale è la sua curiosa forma, larga alla base, che si restringe nella zona della corona. Secondo la leggenda, gli alberi di baobab erano così presuntuosi che, come punizione, gli dei li hanno rivoltati. I baobab cominciarono ad acquisire una certa fama grazie al libro Il Piccolo Principe, dove venivano trattati come erbacce dal protagonista (niente di più lontano dalla verità). Sono il simbolo nazionale del Senegal.
  • Sequoia
    Cosa dire di uno degli alberi più impressionanti del mondo. Le sequoie si trovano principalmente nei parchi naturali del Nord America. Sono gli alberi più alti del mondo e, per estensione, gli esseri viventi più colossali del pianeta. Alcuni di loro, come Hyperion, sono alti circa 120 metri. Un’altra delle sequoie più famose al mondo è il generale Sherman, la più grande creatura vivente del pianeta. Il generale Sherman ha un tronco enorme e una grande coppa a 83 metri di altezza. A circa 2.000 anni, è l’essere vivente più massiccio del pianeta.
  • Dracaena draco
    È un albero che si trova principalmente in Marocco e nelle Isole Canarie. A Tenerife, insieme al fringuello blu, è considerato uno dei simboli dell’isola. È un albero che cresce molto lentamente, può impiegare più di 10 anni per raggiungere un metro di altezza. Ma la cosa veramente sorprendente di questo albero è la sua linfa, che a contatto con l’ossigeno diventa rossa (sangue di drago). La sua linfa è stata utilizzata per diversi scopi curativi, anche nell’Antica Roma e nel Medioevo si pensava fosse un albero magico dalle proprietà straordinarie.
  • Fico del bengala o ficus
    Sono altri degli alberi più impressionanti del pianeta, per le loro enormi dimensioni. In questo caso, il loro tronco di solito non supera i 12 metri di diametro, il che non è una novità (ci sono alberi con tronchi molto più larghi). Tuttavia, ciò che lo rende spettacolare è la sua enorme estensione con tutti i rami e le radici esterne dell’albero. Quindi, questo tipo di ficus sono enormi. Il più grande è in India e la sua superficie è di circa 21.000 metri quadrati, l’equivalente di quasi tre campi da calcio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *