Categories
Piante & natura

Tipi di vespa

Le vespe sono insetti appartenenti alla famiglia dei Vespidae e uno dei più grandi ordini di insetti, dove si trovano anche formiche, calabroni e api, tra gli altri. Sono animali eusociali, anche se ci sono anche alcune specie che preferiscono la solitudine.

Una delle caratteristiche più distintive delle vespe è la “vita”, l’area che divide il torace dall’addome. Si distinguono anche per il fatto di avere un pungiglione che possono usare in diverse occasioni e non solo una volta, come nel caso delle api.

Le vespe fanno i loro nidi di fango o di fibre vegetali; queste si trovano nel terreno, negli alberi, così come sui tetti e sui muri delle stanze umane; tutto dipende dal tipo di vespa di cui stiamo parlando. In questo articolo conoscerete i diversi tipi di vespe, vi invitiamo a continuare a leggere.

Tipi o sottofamiglie di vespe

Per capire meglio tutto ciò che riguarda i tipi di vespe, dobbiamo precisare che ci sono in totale 6 sottofamiglie delle vespidae o vespidae con il loro nome scientifico, queste sono

  • Eumeninae – vespe da vasaio con quasi 200 generi, tra cui la maggior parte delle specie di vespe.
  • Euparagiinae – Si tratta di una sottofamiglia con un solo genere di vespe, quelle del genere Euparagia.
  • Masarinae – Le vespe polliniche con 2 generi, si nutrono di polline e nettare al posto delle prede.
  • Polistinae – Sono vespe tropicali e subtropicali di 5 generi, sono animali che vivono in colonie.
  • Stenogastrinae – Sottofamiglia con un totale di 8 generi, caratterizzati dal fatto di piegare le ali dietro la schiena come le api.
  • Vespinae – Vespe eusociali o colonia-dimora con 4 generi, la socializzazione è più sviluppata che nelle Polistinae.

Come si può vedere la famiglia Vespinae è ampia e varia, con specie che vivono in colonie e specie solitarie, carnivore e altre che vivono di polline e nettare. Ci sono anche differenze all’interno della stessa sottofamiglia, come nel caso delle Vespinae.

Vespe Eumeninae

Le vespe della sottofamiglia Eumeninae, sono note perché alcune delle specie all’interno di questa sottofamiglia costruiscono i loro nidi usando fango simile a un vaso, utilizzando anche cavità nel terreno, nel legno o nidi abbandonati. All’interno di questa sottofamiglia ci sono quasi 200 generi diversi di vespe, la maggior parte dei quali sono solitari e alcuni dei quali hanno caratteristiche sociali primitive.

Possono essere di colore scuro, nero o marrone e con motivi che contrastano con il colore di sfondo, come il giallo o l’arancione. Sono animali che possono piegare le ali nel senso della lunghezza, come la maggior parte dei serpenti. Si nutrono di bruchi o larve di coleotteri, consumando anche il nettare che dà loro energia per volare

Vespe polliniche

Le vespe della sottofamiglia Masarinae, sono insetti che si nutrono esclusivamente di polline e nettare dei fiori. Questo comportamento è molto simile a quello delle api, poiché il cannibalismo è il comune denominatore della maggior parte delle vespe. In questa sottofamiglia ci sono i generi Gayellini e Masarini.

Come i ceramisti, sono di colore scuro con tonalità chiare contrastanti che possono essere rosse, bianche, gialle, tra le altre. Hanno antenne a mazza e vivono in nidi di fango o in buche fatte nel terreno. Si trovano in Sud Africa, Nord America e Sud America nelle regioni desertiche.

Vespe tropicali e subtropicali

Le vespe Polistinae sono una sottofamiglia dei vespidi, dove possiamo trovare un totale di 5 generi diversi. Ci sono i generi Polistes, Mischocyttauros, Polybia, Brachygastra, Ropalidia. Sono vespe che vivono in climi tropicali e subtropicali, oltre ad essere eusociali.

Hanno l’addome stretto, con antenne curve nel caso dei maschi. Le regine sono simili alle operaie, il che è raro dato che la regina di una colonia è di solito molto più grande. I generi Polybia, Brachygastra hanno la particolarità di produrre miele.Sono conosciute anche come vespe Vespinae, si tratta di una sottofamiglia che ha 4 generi, parliamo di Dolichovespula, Provespa, Vespa e Vespula. Alcune di queste specie vivono in colonie, altre sono parassitarie e depositano le loro uova nei nidi di altri insetti.

Sono vespe che hanno un senso di socializzazione più sviluppato rispetto alle Polistine. I nidi sono fatti di una specie di carta, formata da fibra di legno masticata, fanno i loro nidi negli alberi e nei nidi sotterranei. Li possiamo trovare in tutti i continenti del mondo, ad eccezione dell’Antartide. Si nutrono di insetti e in alcuni casi della carne di animali morti.

Alcune specie invadono i nidi di altre specie, uccidono la regina della colonia e costringono le vespe operaie a prendersi cura dei giovani invasori. Possono invadere nidi della stessa specie o nidi di specie affini. Nel genere Vespa sono vespe che colloquialmente vengono chiamate calabroni, perché sono più robuste delle vespe tradizionali.

Le sottofamiglie delle Euparagiinae e Stenogastrinae

Nel caso della sottofamiglia Euparagiinae delle vespe esiste un solo genere, si parla di Euparagia. Sono caratterizzati da venatura alata, hanno anche una macchia caratteristica sul mesotorace e gambe anteriori dalla forma unica. Vivono in regioni desertiche degli Stati Uniti e del Messico.

La sottofamiglia Stenogastrinae ha un totale di 8 generi, dove troviamo il genere Anischnogaster, Cochlischnogaster, Eustenogaster, Liostenogaster, Metischnogaster, Parischnogaster, Stenogaster e Parischnogaster. Le vespe si caratterizzano per il fatto che piegano le ali dietro la schiena e non possono farlo longitudinalmente come il resto di loro.

In questa sottofamiglia ci sono specie che vivono in colonie e specie che vivono da sole, si trovano nelle regioni tropicali dell’Asia, dell’Indocina, dell’India e dell’Indonesia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *