Categories
Alimentazione & Cucina

Tipi di zucca

Oggi parleremo dei tipi di zucca. Diverse varietà di zucche hanno diversi colori, dimensioni, pesi e forme. Anche la durata della loro durata dalla raccolta varia e alcuni sono più adatti di altri per usi diversi.

Ci sono centinaia di varietà, ma oggi ne vedremo 6 molto interessanti per la cucina e anche altre curiose per il loro aspetto originale.

Tipi di zucca più coltivati

Una varietà non è uguale all’altra. Se avete intenzione di coltivare le zucche nel vostro giardino, dovrete considerare il vostro spazio quando scegliete un tipo, poiché alcune varietà di zucca sono molto grandi e cespugliose, mentre altre sono striscianti.

Ci sono alcune zucche che sono cucurbitacee invernali, e altre che vengono coltivate in estate. Hanno anche usi diversi: mentre alcune zucche sono più indicate per fare puree o creme, altre sono più adatte per i dolci, o hanno un uso ornamentale e decorativo.

Ad esempio, le tipiche zucche di Halloween, arancioni e grandi, sono della specie Cucurbita máxima. Abbiamo già parlato in altri post di come piantare e coltivare le zucche, anche Sandra ha fatto un raccapricciante video di Halloween che spiega come realizzare le famose lampade:

Zucca Cucurbita Maxima

È una delle specie di zucca più conosciute. Anche se quelle utilizzate per le lampade decorative di Halloween sono grandi, arrotondate e arancioni (come le varietà Tom Fox o Atlantic Giant), ci sono altre varietà in altre dimensioni e colori.

Ad esempio, la zucca giapponese Potimarron o Hokkaido è più piccola e a forma di pera. È ampiamente utilizzato per le creme e le puree di zucca, ma è anche delizioso al forno per la consistenza della sua polpa e la sua pelle sottile e liscia.

Infatti tutte le varietà di Cucurbitacea máxima sono ampiamente utilizzate per fare la purea di zucca e anche la torta di zucca, i biscotti…

Zucca Patisson

Possono essere cucinati in vari modi (fritti, al forno, ripieni…). Si consiglia di mangiarli quando sono piccoli perché sono più teneri.

Sono molto utilizzati anche per la decorazione, grazie alla loro particolare forma e alla varietà di colori.

Zucca spaghetti

Varietà invernale strisciante, con frutti cilindrici e gialli o arancioni.

È una zucca molto speciale. Quando è cotto o cotto la sua polpa si scioglie in filamenti che sembrano spaghetti. È delizioso con formaggio e aromi, ma anche con sale, pepe e burro.

Zucca a turbante turco

È una varietà strisciante che può essere coltivata sia in estate che in inverno. Ha una forma molto particolare, ed è per questo che viene usato molto come elemento decorativo.

Per fare creme e puree è anche delizioso e gustoso, anche se la sua polpa è scarsa e ha molti spazi vuoti all’interno. Un’idea è quella di servire la crema nella zucca vuota, come piatto, una presentazione simpatica e originale.

Zucca butternut o gramma

È una zucca grande, allungata, a forma di pera, di colore arancione intenso. Grazie alla sua polpa dolce e cremosa è ideale per la preparazione di creme e dolci. Se non aperto, può essere mantenuto in perfette condizioni per mesi (come la maggior parte delle zucche invernali).

Zucca capelli d’angelo

Ce ne sono diverse, ma la zucca più comune per fare questo dolce così usato in pasticceria è la Cucurbita ficifolia. Ha molti nomi comuni: alcayota, sidro, zucca del pasticcere, cayote… – da non confondere con chayote, anche se sono della stessa famiglia delle cucurbitacee, come l’anguria.

Infatti, visivamente può ricordare un’anguria, per la sua sfericità quasi perfetta e per i suoi colori verdi e giallastri, come se formasse un motivo scanalato. All’interno, la polpa è molto leggera, praticamente bianca, con piccoli semi neri o tubi che ricordano anche i semi di anguria.

Bene, spero che vi sia piaciuta la mia selezione di zucche diverse, anche se sapete che ce ne sono molte altre di cui non abbiamo parlato. Spero che vi incoraggerà a coltivare questa pianta nel giardino come abbiamo visto in altri post. Ora è il momento perfetto per coltivare le verdure invernali, visto che ci sono molte zucche! Saluti 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *