Categories
Alimentazione & Cucina

Tipi di pane

La gastronomia italiana è forse una delle più universali, rara è quella che non ti piace o che non hai mai provato prima. Molto varia, la loro cucina preparata con ingredienti freschi e casalinghi occupa una parte molto importante della loro cultura, perché non solo per loro l’atto di mangiare è l’atto di mangiare ma quel momento diventa, come anche noi in Spagna, un momento di conversazione, di degustazione, di piacere e di convivenza.

Ma raramente c’è un pasto italiano dove il pane non è incluso. Utensili e forni a legna trovati migliaia di anni fa dimostrano che gli antichi romani consideravano il pane un’arte. Sono stati loro che sono riusciti a migliorare le tecniche di macinazione del grano, nonché i primi a produrre la farina per la cottura del pane bianco, realizzando pani ricchi con un interno morbido e umido che permette l’assorbimento di olio d’oliva, aceto e pomodoro tra gli altri ingredienti mediterranei.
Molti dei pani italiani hanno varcato i confini e sono conosciuti in qualsiasi parte del mondo e altri di cui abbiamo sentito parlare ma di cui non sappiamo esattamente in cosa consistono. Oggi andremo a sgranare a poco a poco i diversi pani italiani per conoscerli un po’ di più, sicuramente molti di loro suoneranno o addirittura li avrete provati in alcuni dei tanti ristoranti italiani.

Tipi di pane più popolari in Italia

Vediamo quindi, in maniera sintetizzata, i tipi di pane disponibili nella maggior parte delle città italiane.

Ciabatta

La ciabatta è un pane bianco prodotto originariamente in Liguria e realizzato con farina di grano e lievito. La sua forma deve essere lunga, larga e piatta con una leggera depressione al centro. È un pane morbido e leggero, con molti pori e una crosta croccante. Ci sono molte varietà diverse in tutta Italia.

Focaccia

La focaccia, parente della popolare pizza, è un pane bianco piatto solitamente condito con olio d’oliva ed erbe aromatiche pregiate che gli conferiscono un sapore di rosmarino, salvia e sale marino grosso. È considerata una prelibatezza della gastronomia ligure.

Schiacciata

La Schiacciata, è anche un pane bianco piatto ma in questo caso proviene dalla Toscana. Come la focaccia, alla sua superficie vengono aggiunti olio d’oliva e sale grosso ed è tipico fare dei segni circolari con le dita che saranno i suoi caratteristici fori.

Grissini

Grissini, originario di Torino e del Piemonte. Sono pani a forma di bastoncini irregolari, sinuosi e sottili come una matita. Hanno origine nel XVII secolo e vengono spesso serviti con burro e avvolti in prosciutto crudo.

Farinata

La Farinata, originaria della Liguria, è anche una focaccia a forma di pizza, composta da un impasto fatto con acqua, olio e farina di ceci. È ricoperto di pepe nero, sale grosso e rosmarino, che forma una sorta di crosta croccante. È molto simile a un altro pane italiano chiamato cecina.

Pane a Indicazione Geografica Protetta e Denominazione di Origine

Ecco ora invece i pani tipici della tradizione Italiana a cui viene riconosciuto un marchio di Indicazione Geografica Protetta o con DOP.

Copia Ferrarese IGP

La Copia Ferrarese IGP, pane molto antico come prime forme, risale all’XI secolo, quando i panettieri venivano incoraggiati a fare il pane sotto forma di pergamena. Si forma con due nastri di pasta annodati insieme e con le loro estremità attorcigliate a ventaglio. A base di farina, strutto, olio d’oliva e malto. Con una crosta dorata viene prodotto in oltre trecento panifici della provincia di Ferrara.

Pane di Genzano IGP

Il Pane di Genzano Casareccio IGP, pane molto popolare a Roma negli anni ’40, è fatto con lievito naturale, sale minerale e farina di qualità di tipo 0 o 00. Leggera e con una sottile crosta scura, è di solito di forma rotonda o a bastoncini lunghi e larghi.

Pane di Altamura DOP

Pane di Altamura DOP, in origine la pasta di questo pane veniva fatta in casa e poi cotta nel forno di un panificio locale, dove il panettiere metteva un timbro con le iniziali della famiglia e poi restituiva al proprietario già cotto. Questo pane ha una lunga durata di conservazione ed è fatto con farina con una grande quantità di glutine proveniente da cereali coltivati nel territorio della comunità di Murgia.

Panificazione dolce

Ecco qui invece, i migliori lievitati della tradizione italiana, ma in chiave dolce.

Pandoro

Il pandoro, è uno dei due pani più famosi con lievito e dolce della pasticceria italiana. Questo pane dolce di origine veronese viene preso principalmente il giorno di Natale e ha una forma conica ma con una stella a otto punte, di solito viene servito con una glassa alla vaniglia che rappresenta le nevi invernali. In passato questo tipo di pane era riservato ai reali, ma nel 1894 Domenico Melegatti ottenne un brevetto per la sua produzione e il pandoro si diffuse in tutte le classi sociali.

Panettone

Il panettone, è il secondo pane dolce italiano più famoso e come il pandoro si mangia soprattutto a Natale. Originario di Milano, è usato per fare un impasto aperto che deve essere sollevato in uno stampo cilindrico stretto e finisce per formare una cupola. All’impasto vengono aggiunti uvetta, canditi e persino limone per dare sapore.

Lievitati tipici della Pasqua

Approfittando del fatto che si sta avvicinando il periodo dell’anno propizio, bisogna anche menzionare il pane che in Italia viene fatto principalmente a Pasqua, essendo tra i più importanti:

  • Colomba Pasquale, pane fatto con un impasto di lievito naturale, burro, farina, zucchero e uova. Cotto in forno ha la forma di una colomba ed è ricoperto di mandorle e zucchero prima di essere cotto.
  • Il Fragguno, si prepara il Venerdì Santo in Calabria per essere consumato la domenica di Pasqua. Di solito è riempito con salame, formaggio e uova.
  • Penia, è un pane pasquale prodotto principalmente nelle zone rurali d’Italia. È dolce e tra i suoi ingredienti principali ci sono zucchero, burro, uova e soprattutto semi di anice e di limone che conferiscono a questo pane la sua personalità.

Potremmo ancora parlare di tipi di pane in Italia come Panel carasau, Cecina, Piadina, Carta di música, Crocetta, Michette, e molti altri, perché l’Italia si distingue per le sue molteplici varietà di pane. Qui vi ho semplicemente portato una compilation dei più famosi e sicuramente siete rimasti sorpresi, anche se si tratta di un paese diverso, la quantità di quelli che già conoscevate.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *