Categories
Alimentazione & Cucina Piante & natura

Tipi di tisane

Molti di noi hanno probabilmente preso, una volta o l’altra, una camomilla quando ci fa male lo stomaco o un fiore di tiglio o una valeriana per rilassare i nervi.

Molte altre persone consumano regolarmente diversi tipi di tè, anche formando questa infusione della cultura e dei costumi di popoli come gli inglesi. Gli infusi sono e sono stati un prodotto popolare fin dall’antichità in quasi tutto il mondo (il suo uso è noto nella Cina imperiale, nei Celti o nell’America precolombiana). E ci sono molti tipi di infusi che esistono,

Per questo motivo, in tutto questo articolo parleremo di alcune delle infusioni più conosciute e più popolari che esistono, oltre a sapere quali sono i benefici che ognuno di essi ha per la nostra salute.

Chiamiamo infusione un tipo di bevanda ottenuta dall’introduzione di una pianta o di parti di essa, di solito foglie, radici o frutti, in acqua bollente.

Questo processo e la permanenza delle piante per un certo periodo di tempo permette all’acqua di acquisire parte del sapore e delle proprietà della pianta, estraendo attraverso la cottura parte degli elementi solubili dell’infuso di erbe, frutti, radici o foglie.

Tradizionalmente sono state bevute per il loro gusto e per le loro proprietà medicinali, poiché molte delle piante utilizzate hanno tra l’altro proprietà rilassanti, tonificanti, astringenti o antisettiche.

Ma non solo sono stati consumati per via orale, ma sono stati anche usati in medicazioni o bende o per aiutare a guarire le ferite, nell’uso topico.

Tipi di tisane e infusioni

Ci sono molti modi per classificare i diversi tipi di tisane. Uno di questi, e il più comune, è quello che tiene conto della pianta in questione utilizzata per produrli, e che dà loro il nome.

In questo senso, anche se c’è una varietà molto ampia, ve ne lasciamo alcune tra le più comuni.

Parlare di infusi porta quasi inevitabilmente a parlare di tè. Considerato uno degli infusi per eccellenza e parte del patrimonio culturale di molte tradizioni (tra cui quella britannica, cinese o giapponese), il tè è noto per le sue proprietà stimolanti (anche se spesso si ritiene che aiuti a rilassarsi e abbia componenti che aiutano a farlo) oltre che per le sue proprietà antiossidanti e astringenti.

Inoltre, è nutriente e contiene più vitamine, e in alcuni casi è diuretico e aiuta a perdere peso. Ci sono molti tipi di tè, come il verde, il matcha, il rosso o il bianco.

Camomilla

Uno degli infusi più conosciuti è la camomilla, soprattutto per la sua capacità di proteggere il nostro tratto digestivo e di contribuire a migliorare il disagio intestinale e i problemi del tratto digestivo, comprese le ulcere. È anche un infuso con proprietà rilassanti. Oltre ad essere una bevanda, è anche usato topicamente per trattare le ferite o anche problemi agli occhi o respiratori.

Valeriana

La valeriana è una pianta che di solito viene utilizzata per fare infusi caratterizzati da effetti sedativi e rilassanti indotti, noti fin dall’antica Grecia. Aiuta a migliorare il sonno e a combattere la stanchezza e il nervosismo, nonché a calmare dolori come quelli tipici dell’emicrania o delle mestruazioni, o a ridurre la pressione sanguigna.

Tiglio

Simile alla valeriana, il tiglio in fiore è uno dei tè più utilizzati per il relax e l’insonnia. Realizzato con foglie di tiglio, è stato considerato il nettare dei re e ha proprietà antispasmodiche, ipotensive (riduce la pressione sanguigna), analgesiche e antinfiammatorie.

Infuso alla menta

La menta è un altro ortaggio la cui foglia è spesso utilizzata negli infusi. Dal sapore molto caratteristico, l’infuso ha proprietà sazianti, epatoprotettive e diuretiche, oltre che rilassanti (a meno che non vengano assunte dosi eccessive, che producono attivazione e possibili problemi di sonno).

Aiuta a migliorare la digestione e a ridurre i gas, oltre a migliorare il metabolismo intestinale, ed è particolarmente usato per migliorare le condizioni respiratorie.

Infuso di zenzero

Realizzato con radice di zenzero, questo infuso leggermente piccante si caratterizza per le sue proprietà antinfiammatorie e favorisce la circolazione sanguigna. Favorisce anche la combustione dei grassi e aiuta ad espellere il gas, anche se è noto soprattutto per le sue proprietà espettoranti quando si soffre di un raffreddore.

Infuso di melissa

Questo tipo di infusione, conosciuta fin dall’antichità in Europa, si caratterizza per favorire il transito intestinale e per le sue proprietà ipnotico-sedative, generando rilassamento e contribuendo a favorire il sonno.

Caffè

Anche se in genere non consideriamo il caffè come un infuso, lo è: caffè in grani macinato infuso in acqua bollente o latte. Insieme al tè, è uno degli infusi più consumati al mondo, e si caratterizza per le sue proprietà stimolanti (insieme alla teobromina e alla teofillina, la caffeina è una delle xantine).

Ha anche proprietà epatoprotettive, migliora l’umore e anche se aumenta la pressione sanguigna aiuta a prevenire gli attacchi di cuore e anche alcuni tipi di cancro.

Yerba Mate

Anche se in Europa non è una bevanda troppo frequente, il mate è uno degli infusi per eccellenza in Sud America, soprattutto in Argentina e Uruguay. È una bevanda stimolante (contenente caffeina) e si caratterizza per le sue proprietà antiossidanti e diuretiche.

È fatto con yerba mate (specialmente le sue foglie) infuso in acqua ad alta temperatura che non deve essere bollito.

Infuso di equiseto

L’equiseto è utilizzato principalmente per le sue proprietà diuretiche e depurative, che aiutano a urinare e a combattere i problemi genitourinari come la cistite o la ritenzione idrica.

Riduce la pressione sanguigna, è astringente e cicatrizzante (si usa su emorragie o ferite leggere) e permette di ridurre le infiammazioni o le afte, oltre a contenere sali minerali e vitamine rilevanti per la nostra salute.

Infuso al rosmarino

Non è una delle più popolari, ma si può anche fare un infuso con il rosmarino. Questa infusione contribuisce al buon funzionamento dell’apparato digerente (riduce l’acidità e i gas) e ha proprietà astringenti (aiuta a ridurre la diarrea), oltre che antibiotiche. Aiuta anche a migliorare il funzionamento del fegato e a ridurre il colesterolo.

Infuso di tarassaco

Il tarassaco, in infusione, aiuta ad aumentare la secrezione della bile e ha proprietà depurative e favorisce l’escrezione e la digestione. Il fegato, l’intero apparato digerente e le ossa possono trarre beneficio dal suo consumo. Ha anche proprietà calmanti e previene l’anemia, oltre ad aiutare a controllare il diabete.

Infuso di anice

Gli infusi di anice sono buoni anche come sedativi e antidolorifici, oltre a contribuire a regolare il ciclo mestruale e a ridurre i problemi digestivi (diarrea, bruciore di stomaco, gastrite…). Riduce il muco e allevia la tosse.

Infuso di salvia

Con proprietà antinfiammatorie, battericide e lenitive, l’infusione di salvia aiuta ad alleviare i crampi mestruali e il mal di testa, nonché a combattere le infezioni della gola e i raffreddori. Aiuta anche a ridurre la ritenzione di liquidi e a rilassare i muscoli (nell’uso topico).

Infusi di frutta

Si tratta di una categoria abbastanza ampia in quanto ci sono molti frutti che possono essere utilizzati in un infuso. Frutti rossi, melone, limone, limone, pompelmo, mango, ananas o anguria sono alcuni esempi, che possono essere liquefatti e poi introdotti in acqua o utilizzando scivoli o anche le bucce del frutto.

Le proprietà possono variare molto da un frutto all’altro, ma in genere sono diuretiche, idratanti e purificanti oltre a introdurre alcuni dei nutrienti del frutto stesso (anche se non sarà mai tanto quanto mangiare il frutto).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *