Categories
Scuola & Studio

Tipi di triangoli

Durante l’infanzia, tutti noi abbiamo dovuto frequentare le lezioni di matematica a scuola, dove abbiamo dovuto studiare i diversi tipi di triangoli. Tuttavia, nel corso degli anni possiamo dimenticare alcune cose che abbiamo studiato. Per alcuni individui la matematica è un mondo affascinante, ma ad altri piace di più il mondo delle lettere.

In questo articolo passeremo in rassegna i diversi tipi di triangoli, per cui può essere utile rinfrescare alcuni concetti studiati in passato o per imparare cose nuove che non erano note.

I triangoli

In matematica si studia la geometria e si studiano in profondità diverse figure geometriche come i triangoli. Questa conoscenza è utile per molti motivi; per esempio: per fare disegni tecnici o per progettare un’opera e la sua costruzione.

In questo senso, e a differenza di un rettangolo che può essere trasformato in parallelogramma quando la forza viene applicata a uno dei suoi lati, i lati di un triangolo sono fissi. A causa della rigidità delle sue forme, i fisici hanno dimostrato che il triangolo può resistere ad elevate quantità di forza senza deformazioni. Pertanto, architetti e ingegneri utilizzano i triangoli per costruire ponti, tetti di case e altre strutture. Quando i triangoli sono incorporati nelle strutture, la resistenza aumenta riducendo il movimento laterale.

Cos’è un triangolo

Il triangolo è un poligono, una figura geometrica piatta che ha area ma non volume. Tutti i triangoli hanno tre lati, tre vertici e tre angoli interni, e la somma di questi è 180

Il triangolo è composto da:

Vertice: ciascuno dei punti che determinano un triangolo e sono solitamente indicati con lettere maiuscole latine A,B,C.
Base: può essere uno qualsiasi dei suoi lati, l’opposto del vertice.
Altezza: è la distanza da un lato al suo vertice opposto.
Fianchi: ce ne sono tre e a causa di essi i triangoli sono di solito classificati in modi diversi.
In queste figure, uno dei lati di questa figura è sempre inferiore alla somma degli altri due lati, e in un triangolo con lati uguali, anche i suoi angoli opposti sono uguali.

Come calcolare il perimetro e l’area di un triangolo

Due misure che ci interessa conoscere i triangoli sono il perimetro e l’area. Per calcolare il primo, è necessario sommare le lunghezze di tutti i suoi lati:

P = a + b + c
Invece, per scoprire quale sia l’area di questa figura, si utilizza la seguente formula:

A = ½ ( b h )
Pertanto, l’area del triangolo è base (b) per altezza (h) divisa per due, e il valore risultante di questa equazione è espresso in unità quadrate.

Tipi di triangoli

Esistono diversi tipi di triangoli, che vengono classificati in base alla lunghezza dei loro lati e alla larghezza dei loro angoli. Tenendo conto dei loro lati, ci sono tre tipi: equilatero, isoscele e scaleno. A seconda delle loro angolazioni, possiamo distinguere triangoli retti, ottusangoli, angoli acuti ed equini.

Poi li descriveremo in dettaglio.

Tipi di triangoli in base alla lunghezza dei loro lati

Tenendo conto della lunghezza dei lati, i triangoli possono essere di tipo diverso.

Triangolo equilatero

Un triangolo equilatero ha tre lati di uguale lunghezza, quindi è un poligono regolare. Anche gli angoli in un triangolo equilatero sono uguali (60° ciascuno). L’area di questo tipo di triangolo è la radice di 3 in 4 per la lunghezza del lato quadrato. Il perimetro è il prodotto della lunghezza di un lato (l) per tre (P = 3 l)

Triangolo scaleno

Un triangolo scaleno ha tre lati di lunghezza diversa, e i suoi angoli sono anche di dimensioni diverse. Il perimetro è uguale alla somma delle lunghezze dei suoi tre lati. Cioè: P = a + b + c.

Triangolo isoscele

Un triangolo isoscele ha due lati e due angoli uguali, e il modo per calcolare il suo perimetro è: P = 2 l + b.

Triangoli secondo le loro angolazioni

I triangoli possono essere classificati anche in base alla larghezza dei loro angoli.

Triangolo destro

Sono caratterizzati da un angolo interno retto, con un valore di 90º. Le gambe sono i lati che compongono questo angolo, mentre l’ipotenusa corrisponde al lato opposto. L’area di questo triangolo è il prodotto della divisione in due delle sue gambe. Cioè: A = ½ (bc).

Triangolo ad angolo ottuso

Questo tipo di triangolo ha un angolo maggiore di 90° ma inferiore a 180° che viene chiamato “ottuso”, e due angoli acuti, che sono inferiori a 90°.

Triangolo acuto

Questo tipo di triangolo è caratterizzato perché ha i suoi tre angoli che sono meno di 90

Triangolo equiangolare

È il triangolo equilatero, poiché i suoi angoli interni sono pari a 60°.

Conclusione

Praticamente tutti noi abbiamo studiato geometria a scuola e conosciamo bene i triangoli. Ma nel corso degli anni, molte persone potrebbero dimenticare ciò che

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *