Categories
Uncategorized

Alcuni pensano che ci sia un solo modo per imparare.

Sicuramente molti, quando pensiamo di imparare, immaginano qualcuno che studia o che impara a memoria. Tuttavia, esistono diversi tipi di apprendimento con caratteristiche molto diverse. Nell’articolo di oggi, li esamineremo e li spiegheremo.

Psicologia e apprendimento
L’apprendimento si riferisce all’acquisizione di conoscenze, abilità, valori e atteggiamenti, e gli esseri umani non sarebbero in grado di adattarsi al cambiamento senza questo processo.

La psicologia si è interessata a questo fenomeno per diversi decenni e molti autori hanno contribuito con conoscenze preziose su ciò che è e su come si costruisce tale apprendimento. Ivan Pavlov, John Watson o Albert Bandura sono chiari esempi di questo marcato interesse.

Se siete interessati a saperne di più sul contributo della psicologia all’apprendimento, vi consigliamo di leggere i seguenti articoli:

Psicologia dell’educazione: definizione, concetti e teorie
La teoria dell’apprendimento di Jean Piaget
La teoria socioculturale di Lev Vygotsky
Piaget vs Vygotsky: somiglianze e differenze tra le loro teorie
I diversi tipi di apprendimento
Nel corso degli anni, gli studi di molti di questi ricercatori hanno permesso di decifrare come funziona la nostra memoria e come l’osservazione o l’esperienza influenzano la costruzione della conoscenza e cambiano il nostro modo di agire.

Ma quali sono i modi di apprendere? Che tipo di apprendimento ci sono? Lo spiegheremo qui di seguito.

Articolo consigliato: “Tipi di memoria: come il cervello umano immagazzina i ricordi?
Apprendimento implicito
L’apprendimento implicito si riferisce ad un tipo di apprendimento che è generalmente non intenzionale e in cui il discente non è consapevole di ciò che viene appreso.

Il risultato di questo apprendimento è l’esecuzione automatica del comportamento del motore. La verità è che molte delle cose che impariamo accadono senza che ce ne rendiamo conto, per esempio parlare o camminare. L’apprendimento implicito è stato il primo ad esistere ed è stato la chiave della nostra sopravvivenza. Impariamo sempre senza rendercene conto.

  1. Apprendimento esplicito
    L’apprendimento esplicito è caratterizzato dal fatto che il discente ha intenzione di imparare ed è consapevole di ciò che sta imparando.

Ad esempio, questo tipo di apprendimento ci permette di acquisire informazioni su persone, luoghi e oggetti. Ecco perché questa forma di apprendimento richiede un’attenzione sostenuta e selettiva da parte dell’area più evoluta del nostro cervello, cioè richiede l’attivazione dei lobi prefrontali.

  1. Apprendimento associativo
    Si tratta di un processo attraverso il quale un individuo impara l’associazione tra due stimoli o uno stimolo e un comportamento. Uno dei grandi teorici di questo tipo di apprendimento è stato Ivan Pavlov, che ha dedicato parte della sua vita allo studio del condizionamento classico, un tipo di apprendimento associativo.

Potete saperne di più su questo tipo di apprendimento nel nostro articolo: “Il condizionamento classico e i suoi esperimenti più importanti”.

  1. Apprendimento non associativo (assuefazione e consapevolezza)
    L’apprendimento non associativo è un tipo di apprendimento che si basa su un cambiamento nella nostra risposta a uno stimolo che si verifica continuamente e ripetutamente. Ad esempio, quando qualcuno vive vicino a una discoteca, all’inizio può essere infastidito dal rumore. Col tempo, dopo una prolungata esposizione a questo stimolo, non si accorgerà dell’inquinamento acustico, in quanto si sarà abituato al rumore.

All’interno dell’apprendimento non associativo troviamo due fenomeni: l’assuefazione e la consapevolezza.

Per saperne di più, visitate il nostro post: “Abitazione: un processo chiave nell’apprendimento pre-associativo”.

  1. Apprendimento significativo
    Questo tipo di apprendimento è caratterizzato dal fatto che l’individuo raccoglie le informazioni, le seleziona, le organizza e stabilisce relazioni con le conoscenze che già aveva. In altre parole, è quando una persona mette in relazione le nuove informazioni con quelle già in suo possesso.

Potete saperne di più sull’apprendimento significativo cliccando qui

  1. Apprendimento cooperativo
    L’apprendimento cooperativo è un tipo di apprendimento che permette ad ogni studente di imparare non solo da solo, ma anche con i propri coetanei.

Pertanto, di solito si svolge nelle aule di molte scuole, e i gruppi di studenti di solito non superano i cinque membri. L’insegnante è colui che forma i gruppi e che li guida, dirigendo lo spettacolo e distribuendo ruoli e funzioni.

  1. Apprendimento collaborativo
    L’apprendimento collaborativo è simile all’apprendimento cooperativo. Tuttavia, il primo si differenzia dal secondo per il grado di libertà con cui i gruppi si costituiscono e funzionano.

In questo tipo di apprendimento, sono gli insegnanti o gli educatori che propongono un argomento o un problema e gli studenti decidono come affrontarlo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *