Categories
Costume & psicologia

Tipi di dipendenze

Ci sono tante dipendenze quanti sono i colori e i gusti in questo vasto mondo. Alcuni sono più conosciuti di altri, soprattutto quelli che comportano l’abuso di determinate sostanze.

Tuttavia, le dipendenze non si limitano solo al consumo di prodotti chimici che possono implicare qualche danno nella persona che li ingerisce, ci sono anche comportamenti dannosi sia per la stessa persona che per il suo ambiente più vicino.

Vediamo i tre principali tipi di dipendenza, oltre ad alcuni esempi significativi per ciascuno di essi.

Tipi di dipendenze

Il mondo delle dipendenze è molto ampio e vario. Si può essere dipendenti da quasi tutto, a patto che sia fatto in modo tale che la persona arrivi al punto di perdere il controllo sul comportamento di dipendenza in questione.

Di solito le dipendenze sono classificate in due gruppi, a seconda che il comportamento problematico abbia a che fare con il consumo di una sostanza, sia legale che illegale, o se, al contrario, il problema abbia a che fare con il comportamento stesso.

Tuttavia, e nonostante questa sia la classificazione più comune, in questo articolo parleremo anche di un altro tipo di dipendenza, molto importante nell’interazione con le altre persone e che, a volte, può essere alla base dello sviluppo di certi rapporti tossici: le dipendenze emotive.

Dipendenza da sostanze

Tra tutte le dipendenze, le più note sono di solito quelle legate all’abuso di sostanze. La legalità e la gravità degli effetti del farmaco stesso possono variare molto, e ce ne sono praticamente di tutti i tipi. Diamo un’occhiata ad alcuni di loro.

Alcol

L’alcolismo è una delle dipendenze più comuni al mondo, poiché l’alcol è una sostanza legale, ma i suoi effetti sulla salute sono molto gravi. Infatti, è stato sostenuto che l’alcolismo ha un peso maggiore nello sviluppo del cancro rispetto al tabacco.

Oltre ai problemi di salute, l’alcol incoraggia comportamenti più rischiosi e pericolosi per se stessi e per gli altri. In molti casi, dietro un crimine c’è l’uso di questa sostanza.

Il problema di questa sostanza non è solo che è pericolosa di per sé, ma che la maggior parte delle società accetta molto il suo uso, sminuendo l’alcolismo e trattandolo come se fosse una pratica socialmente desiderabile.

Tuttavia, nonostante la grande pressione a consumare alcolici, i suoi effetti si fanno sentire sia fisicamente, come i problemi di equilibrio e i postumi di una sbornia, sia cognitivamente e psicologicamente, come l’instabilità emotiva, l’aggressività e la ridotta reattività.

Inoltre, l’astinenza da questa sostanza può essere mortale, il che rende molto difficile per le persone che soffrono di alcolismo, oltre agli effetti dannosi della dipendenza, superarla.

Nicotina

La sostanza che causa la dipendenza da tabacco è la nicotina. Il tabacco, come l’alcol, è legale, ma sembra esserci una maggiore consapevolezza sociale dei suoi effetti dannosi.

Infatti, la maggior parte dei paesi ha vietato la trasmissione di spot pubblicitari sul tabacco, mentre le pubblicità di marche di alcolici continuano ad essere trasmesse come se riguardassero i succhi di frutta.

La nicotina è una sostanza che altera in modo significativo il funzionamento del cervello, portando alla dipendenza. Con il tempo, se la persona non fuma la sua tanto desiderata sigaretta, inizia a sentire un disagio sotto forma di ansia e nervosismo.

Il fumo di tabacco è responsabile di malattie respiratorie, come il cancro ai polmoni e alla laringe, e anche di problemi cardiaci come attacchi di cuore e ictus.

L’alternativa “salutare” al tabacco tradizionale, il fumo di tabacco, si è dimostrato un sostituto inefficiente e molti ministeri della salute stanno valutando la possibilità di regolamentarne l’uso come pratica potenzialmente dipendente.

Psicofarmaci

Ottenere psicofarmaci non è semplice come comprare una scatola di aspirina, poiché molti di essi richiedono una prescrizione psichiatrica per essere acquistati.

Tuttavia, questa restrizione non impedisce alle persone, sia ai pazienti psichiatrici che alle persone che non hanno bisogno di assumere psicofarmaci, di sviluppare una dipendenza da questo tipo di sostanze. Ogni farmaco psicotropo ha un profilo diverso e può comportare effetti collaterali molto diversi a seconda della dose e del tipo di farmaco.

La tolleranza agli psicofarmaci viene generata molto rapidamente, rendendo la persona ha bisogno di consumare una dose più alta per notare gli effetti desiderati.

Caffeina

Negli ultimi anni, soprattutto nel campo della psicologia, si è discusso molto sull’opportunità di consumare l’abuso di sostanze con la caffeina come una vera e propria dipendenza.

La maggior parte delle dipendenze ha un impatto negativo sia sull’individuo che ne soffre sia sull’ambiente circostante, tuttavia, gli effetti nocivi del bere troppo caffè o tè sono stati molto discussi.

Tuttavia, l’abuso di caffeina si qualifica come una dipendenza, poiché può influire sulla salute della persona che non riesce a disimpegnarsi dalla macchina del caffè.

Un esempio di questo sarebbe quello di persone che, pur sapendo che la caffeina è eccitante e produce insonnia, decidono di bere caffè o tè a ore improponibili, sapendo che dopo non riusciranno più a dormire.

Dormire bene è fondamentale per recuperare energia e avere uno stato d’animo eutimico. Se non riuscite ad addormentarvi, il giorno dopo sarete stanchi e di cattivo umore, non lavorerete in modo efficiente e avrete un pessimo rapporto con i vostri cari.

Oppiacei

Tra gli oppiacei, l’eroina è probabilmente la più conosciuta.

L’uso di questa sostanza comporta gravi problemi di salute, soprattutto per il cuore e il sistema nervoso, digestivo e respiratorio.

Steroidi

Gli steroidi sono sostanze ampiamente utilizzate, soprattutto nel mondo dello sport. Nella maggior parte dei casi sono varianti sintetiche del testosterone, usato per aumentare la massa muscolare rapidamente e con poco sforzo.

L’abuso di queste sostanze implica vari effetti, tra i più lievi possiamo trovare acne grave, anche se i più preoccupanti sono problemi cardiaci, ictus e ginecomastia.

Cannabis

Tra tutte le droghe illegali, la cannabis è una delle più consumate, soprattutto perché può essere coltivata in qualsiasi giardino, anche se la pianta richiede una cura particolare.

Ci sono molti miti su di essa, tra cui quello che, essendo una pianta e quindi “naturale”, deve necessariamente essere “sicura”. Per la stessa regola del tre, la pianta di cicuta è anche sana, anche se ha lo svantaggio di essere un veleno mortale.

Tralasciando il dibattito sul fatto che il naturale sia più sano o meno, va detto che la cannabis ha molti effetti indesiderati sulla salute di chi la usa, sia sotto forma di “articolazioni” che come ingrediente in pasticceria come brownies o torte salate.

È stato dimostrato che ha un impatto cognitivo, compromettendo l’intelligenza, la memoria e la capacità di parlare correntemente. È stato collegato allo sviluppo di disturbi mentali come la schizofrenia.

Va detto, tuttavia, che è stato trovato per avere effetti terapeutici, e viene consumato, sotto prescrizione medica, per problemi come il glaucoma, il dolore cronico, la sclerosi multipla e l’ansia.

Dipendenze comportamentali

Non si tratta solo di dipendenze in cui si abusa di una particolare sostanza. Anche i comportamenti che sono fuori controllo e che possono avere un impatto negativo sulle prestazioni di una persona sono considerati comportamenti che creano dipendenza. Vediamo i principali comportamenti che possono portare a dipendenze.

Pornografia e sesso

Il sesso è un bisogno umano fondamentale, tuttavia, farlo diventa un problema quando la maggior parte del tempo è dedicato a questa attività, sia in compagnia che da soli, utilizzando la pornografia per raggiungere l’eccitazione sessuale.

La pornografia, infatti, è un materiale che può diventare estremamente coinvolgente, poiché comporta il raggiungimento dell’eccitazione senza dover interagire con altre persone.

Ciò può comportare una serie di problemi, come gli effetti indesiderati. Tra questi, e soprattutto a causa dell’ipersessualizzazione delle persone nei video porno e nelle riviste, la persona diventa incapace di eccitarsi con le persone “normali”.

Questi problemi emergono quando si tratta di avere una vera relazione sessuale con un’altra persona, causando sintomi come l’anorgasmia e la disfunzione erettile a letto. L’isolamento sociale si verifica anche quando le persone non si sforzano di avere incontri sessuali.

Dipendenza dal gioco

La ludopatia o dipendenza dal gioco d’azzardo, sia sotto forma di scommesse sportive, poker, roulette, slot o qualsiasi forma di estrazione di denaro per caso, sta diventando un problema serio di fronte alla passività dei governi, nonostante il suo aumento più che evidente.

Oggi la società non è ancora sufficientemente consapevole del problema, vedendolo come un semplice passatempo, senza essere scandalizzata dalle pubblicità televisive che promuovono il gioco d’azzardo patologico senza che la gente ne sia scandalizzata.

Il gioco d’azzardo patologico è un disturbo grave, che può comportare la perdita di tempo prezioso che potrebbe essere speso in modo molto più produttivo per la spesa di enormi quantità di denaro, e può portare all’indebitamento e non far quadrare i conti.

Il gioco d’azzardo sfrutta un fenomeno che in psicologia si chiama rinforzo intermittente, il che implica che si riceve la ricompensa desiderata solo un numero piuttosto piccolo di volte e senza uno schema regolare.

Mentre si è in attesa di ricevere la ricompensa, la persona non smette di giocare, entrando in un ciclo che potrebbe non avere fine.

Potresti essere interessato a: “Gioco d’azzardo: cause e sintomi della dipendenza dal gioco d’azzardo”.

Cibo

Il cibo è un’esigenza fondamentale. Ogni essere umano ha bisogno di cibo, altrimenti muore di fame. Il problema arriva quando diventa qualcosa che controlla la nostra vita, facendoci perdere completamente il controllo su quando dobbiamo nutrirci.

La dipendenza da cibo è il problema più importante nei disordini alimentari, in particolare il disordine alimentare, in cui la persona perde il controllo e mangia enormi quantità di cibo, sentendosi terribilmente male dopo.

La conseguenza più grave della dipendenza alimentare è, in particolare, l’obesità, che negli ultimi decenni è diventata la vera epidemia nel mondo occidentale.

Altri problemi legati alle cattive abitudini alimentari sono il diabete, i problemi gastrointestinali, i problemi di mobilità e anche il cancro.

Nuove tecnologie

Le nuove tecnologie hanno invaso praticamente ogni aspetto della vita come la conoscevamo. Telefoni cellulari, computer, console di gioco e tutti i tipi di dispositivi elettronici si trovano praticamente in ogni situazione.

Non sorprende che sempre più persone non siano in grado di sganciarsi dai loro dispositivi, perché hanno sviluppato una significativa dipendenza da questi ultimi e hanno bisogno di loro per svolgere il loro lavoro quotidiano. Non sanno nient’altro.

La dipendenza da Internet, visibile soprattutto tra i giovani, è di particolare importanza. Che si tratti di documentarsi o di giocare online, ci sono molti adolescenti che avrebbero la sincope se dovessero passare una giornata senza potersi connettere.

Si può dire che la colpa non è della persona che ne è dipendente, ma di come la società stessa si è formata negli ultimi anni. Quanti posti di lavoro oggi non dipendono dall’uso di Internet o dalla messaggistica istantanea?

Shopping

La dipendenza da shopping, pur non essendo un noto comportamento di dipendenza, ha come problema principale il consumo di enormi quantità di denaro in prodotti e servizi che non sono necessari.

Inoltre, in caso di acquisto di oggetti non necessari, c’è il rischio che la casa sia occupata da cianfrusaglie inutili, e lo sviluppo di disturbi come Diogene può essere un problema collaterale.

Lavoro

Nella società in cui viviamo, è stata incoraggiata una cultura del sacrificio sul posto di lavoro, con l’intenzione di ottenere il massimo beneficio per la famiglia. Il problema è che il lavoro stesso può diventare una dipendenza, e negli ultimi anni è emerso il termine “workaholic” per riferirsi a questa situazione.

Mentre il lavoro è necessario per la sopravvivenza, dare al luogo di lavoro un ruolo maggiore rispetto ad altri aspetti della vita come le relazioni personali, la cura dei bambini o l’investimento nei propri hobby significa un generale declino del tenore di vita.

Il consiglio che si può dare riguardo a questo tipo di situazione è quello di fare le cose con equilibrio, e di essere consapevoli di quando è necessario fermarsi e staccare dal lavoro.

Dipendenze emotive

Questi tipi di dipendenza possono essere i meno conosciuti, ma il detto che si è dipendenti da qualcuno o che si è dipendenti dall’essere tristi non è così figurato come si potrebbe pensare.

Molte persone che si frequentano da molto tempo ma che si sono appena lasciate sentono ancora il bisogno di stare con la persona che hanno perso. Ovvero, sono emotivamente dipendenti da loro, cosa che può influire seriamente sullo sviluppo della persona che soffre di questa particolare dipendenza, non avendo sufficienti motivazioni per cercare una nuova relazione o osare di essere single.

È anche comune trovare persone che, anche senza soffrire di un disturbo dell’umore come la depressione, si sentono tristi per lungo tempo ma non sembrano cercare il modo di superare la cattiva bevanda. Sia perché riceve l’attenzione degli altri, sia perché rompe con la routine emotiva che si è stabilita, la persona non è in grado di disimpegnarsi dall’emozione che, seppur adattiva, a lungo andare può porre problemi in termini di indipendenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *